EN
IT
Design
06 Gennaio 2017
Ethereal house di Brain Factory a Roma
Elisabetta di Dettagli Home Decor racconta Ethereal House di Brain Factory.

Elemento essenziale dell’architettura di questo appartamento situato nello storico quartiere del Pigneto a Roma è l’uso del bianco, inteso come concetto di pura intimità e accoglienza. Questo il punto di partenza nel progettare uno spazio contemporaneo all’interno di un edificio antico, mediando tra la storia e l’”oggi”.

Il nuovo lay out degli spazi interni enfatizza l’ossatura portante dell’edificio senza decontestualizzare il moderno. Il risultato ottenuto crea una continuità spaziale e di massima fruizione degli ambienti in cui l’elemento distributivo del living diventa una parete attrezzata multifunzione, disegnata per alloggiare da un lato il bio-camino e la tv, dall’altro per nascondere i pensili della cucina. Predominante è l’uso del colore bianco, scaldato a tratti da elementi architettonici in tortora e dal parquet in rovere antichizzato. Travi in legno bianche, tagli di luce raso parete e arredi minimalisti contribuiscono a creare un ambiente etereo. Il bagno ha una fruizione longitudinale dello spazio e una continuità visiva accentuata dall’uso del gres effetto legno a pavimento abbinato ad una texture cementizia giocata sugli stessi toni a parete.

Immagini Brain Factory

Dove trovare Elisabetta:

www.dettaglihomedecor.com

elisabetta@dettaglihomedecor.com
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Nei giorni di VicenzaOro Fall ho partecipato ad una serata organizzata da Marco Bicego che ha invitato amici e clienti per presentare le sue nuove preziose collezioni. Rìngrazio Marco, la moglie e tutto lo staff, come sempre molto ospitali, che mi hanno...
Design
Design
Avete già deciso il luogo dove trascorrere le meritate vacanze? Nel post di oggi vogliamo ispirarvi con una meraviglia, incastonata in un bellissimo, e per fortuna ancora poco conosciuto, angolo d'Italia: è il Malatesta Maison de Charme di Montaiate, a...
Kids
Kids
Cari genitori,  vi ricordate quando "i grandi" ci proponevano uan giornata al museo? La migliore delle nostre reazioni poteva essere la completa apatia: per noi il museo era un luogo chiuso, dove camminare molto ma guai a correre, e di cui...