EN
IT
Lifestyle
05 Novembre 2014
Bookslover
Dopo i consigli di Isabella per le letture dei più piccoli (qui), siamo felici di presentarvi Francesca, curatrice del blog Bookslover: una vera miniera d'oro di spunti e consigli di lettura, come quelli che ci regala in questa intervista bellissima.

Ciao Francesca, ti ricordi la prima volta che hai chiesto un consiglio di lettura? E l'ultima?

Ho iniziato a leggere tanto già da bambina, con i romanzi per ragazzi che divoravo a decine. Mi ricordo però distintamente che uno dei primi libri da grandi che ho letto fu un consiglio di mia madre: Eva Luna, di Isabel Allende, che mi piacque tantissimo. La cosa curiosa è che io e mia mamma abbiamo gusti diversissimi: credo che sia stata forse la prima ma anche l'ultima volta che ci è piaciuto lo stesso libro! L'ultima, ieri, a una collega che si occupa di libri e che mi ha consigliato Francesco Pacifico. Ma se me lo chiedessi domani, probabilmente ti risponderei ugualmente "ieri": da quando ho aperto Bookslover non passa giorno che mi metta a parlare di libri con qualcuno, e veramente con persone che mai avrei immaginato amassero leggere.


Dove ti piace acquistare i libri nella tua città? E qualche bella libreria in giro per l'Europa?

Diciamo che compro un po' dovunque, ma a Milano, dove vivo, mi piace andare al Libraccio del Naviglio perché ha anche una parte di usato in cui perdo spesso e volentieri una mezz'ora. E poi anche a La Feltrinelli della Stazione Centrale: sono spesso in viaggio e quei dieci minuti in cui aspetto il treno, di solito li trascorro lì dentro. In Europa, non vi consiglio solo una libreria ma un intero paese: Bécherel, in Francia, la città dei Libri. Un paradiso per i lettori, con un'atmosfera magica.


Dove custodisci i tuoi libri?

Dove trovo posto: ormai sono invasa. La scorsa settimana ho contato quelli sul comodino: 50. Tra poco crolla! Diciamo che il loro posto sarebbe una vecchia credenza per le stoviglie, che ho convertito a libreria. Molto d'effetto, anche se ce ne stanno pochi purtroppo.


Che libro ci consiglieresti per:

- una giornata di pioggia come oggi: Cime Tempestose. Una storia d'amore meravigliosa con meteo a tema. Perfetto!

- un lungo viaggio in treno: La verità sul caso Harry Quebert. Un tomo, che però scorre come un fiume in piena. Io ci ho fatto un volo Milano - New York: nove ore filate di lettura, non ho smesso un minuto.

- un weekend di fuga: Libertà di Franzen. Che però è un po' lunghetto e non ce la fate a finirlo in un weekend. E allora per liberarsi la mente, uno qualsiasi dei romanzi di Vitali: leggeri, divertenti, intelligenti. Un toccasana. 

- una risata liberatoria: Non avevo capito niente di De Silva, che fa riderissimo e sdrammatizza un po' tutto.

- ritrovare un grande classico: Delitto e Castigo di Dostoevskij. 


Oltre al tuo, segui anche l'istinto e il fiuto di altre persone sempre alla ricerca di nuove letture? E se sì, di chi?

Da quando ho aperto il profilo instagram di Bookslover, trovo inspirazione in rete. Vado a curiosare, la gente legge tanto (a chi dice che gli italiani non leggono, consiglio di fare un giro sui social) e condivide volentieri consigli e opinioni. E poi c'è Bookslover, che nasce proprio così: chiedo a giovani talenti più o meno noti della moda, della musica, del cinema, di raccontare il loro libro del cuore. Così ho letto delle cose bellissime.

www.bookslover.it

Trovate una giornata più adatta di questa per iniziare un nuovo libro?

DD

Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Di solito è DDmag a muoversi nel territorio per "scovare" chicche di stile per voi lettori affezionati; stavolta è "la Montagna ad essere venuta da Moametto" perché proprio a Vicenza sono arrivati i più prestigiosi protagonisti del mondo della gioielleria...
Lifestyle
Lifestyle
Le settimane della moda sono finite e con loro anche le fiere e le esposizioni dedicate alla moda bambino. Se ve le siete perse niente paura, la nostra contributor Simona del blog Fiammisday ci accompagna tra le novità più cool...
Lifestyle
Lifestyle
Abbiamo sempre sognato di sfogliare un magazine come Say Yep, le cui pagine parlano sì di matrimonio, ma con uno stile inconfondibile. Ogni nuovo numero è infatti una boccata di aria fresca grazie alle foto eteree, alle mise en place...