EN
IT
Lifestyle
31 Ottobre 2014
A Firenze c'è un mercato. Bellissimo
È il Mercato Centrale di San Lorenzo, un edificio del 1874 la cui struttura in ferro e vetro in stile Liberty è stata progettata dall’architetto Mengoni per ospitare i banchi del mercato. Ancora oggi, al piano terra dell'edificio, si respira l'atmosfera della "vecchia Firenza" tra la frutta, la verdura, i fiori, l'olio e gli altri prodotti tipici toscani. Il primo piano è stato invece da poco ristrutturato e da questo progetto è nato un grande spazio aperto, senza divisioni nette, su cui svetta una struttura che ricorda le gallerie parigine. Scopo del restauro è stato quello di restituire centralità agli artigiani del gusto. E allora ecco pane e pasticceria, pesce fresco, fritto e polpette, frutta e verdure, carne e salumi, mozzarella di bufala, formaggi, cioccolato e gelato, pasta fresca, enoteca, lampredotto, tramezzini: un luogo in cui incontrarsi (e perdersi) per una colazione, un caffè, un aperitivo, un pranzo al volo o una cenetta, seduti un po' ovunque, magari leggendo qualcosa nella libreria. Per i più curiosi, c’è anche un'interessante Scuola di Cucina, succursale dell’Istituto Lorenzo de’ Medici, storica realtà da oltre 40 anni nel quartiere.

Un pausa in pieno centro a Firenza più che perfetta, in stile very DDmag. Voi che ne dite?

DD
Ti potrebbero interessare anche...
Food
Food
Se avete avuto la fortuna di trascorrere il periodo natalizio in Inghilterra probabilmente avrete già assaggiato questa specialità inglese, altrimenti ci pensa la nostra cuoca Sara Danesin Medio ad insegnarvi tutti i segreti delle Mince Pies. Enjoy! "La mince pie, nota...
Design
Design
Ristrutturare, recuperare, integrare vecchio e nuovo: nell'architettura e nel design i verbi sono cambiati e parlano una lingua amica dell'ambiente e del paesaggio. Ce lo racconta oggi Elisabetta del blog Dettagli Home Decor, portandoci in una casa da sogno. Meta:...
Food
Food
La nostra tavola parla tantissime lingue: giapponese, inglese, francesce, spagnolo, cinese, arabo... Spezie, frutta, tradizioni e sapori si mescolano in un crocevia di culture che mai come ora si conoscono e si scambaino saperi. È la meraviglia di una globalizzazione...