EN
IT
Lifestyle
10 Novembre 2014
Sognando con Chagall
Se il cielo grigio e la pioggia non vogliono cessare, bisogna guardare altrove e cercare il colore e la luce nell'arte. Oggi vi invitiamo a riscoprire Chagall in occasione di una mostra che la nostra contributor Lorenza ha visitato per DDmag.

Ogni volta che si arriva a Milano c'è il rischio di farsi inghiottire dal ritmo frenetico di una città in movimento… Ma Milano non è solo la galleria Vittorio Emanuele, il Duomo e tanti negozi dove scovare brand famosi e cose curiose; pur restando in piazza Duomo, ci si può avvicinare a Palazzo Reale per godersi una pausa... immersi nell'arte di Chagall! Oltre ai più celebri dipinti dell'artista, la retrospettiva presenta opere di eccezionale valore: le illustrazioni per le favole di La Fonaine, i bozzetti per gli affreschi del teatro ebraico con le raffigurazioni allegoriche della danza e del teatro, e una meravigliosa esposizione dei costumi per un balletto di Rachmaninov confezionati dalla moglie e dipinti da Chagall stesso. Peccato non poter fotografare, direte voi… Ma una sbirciatina al book shop si può fare: ecco allora gli splendidi cataloghi e i piccoli oggetti di utilità quotidiana come la pezzuola pulisci occhiali, la  borsina richiudibile raffigurante "Il volo sopra la città". E già che ci siamo, un bel magnete da attaccare al friggo per la nostra raccolta, "Gli amanti in blu".

www.mostrachagall.it

Grazie Lorenza per questa immersione nel mondo sognante di Chagall: non vediamo l'ora di visitare "dal vivo" la mostra che resterà a Milano fino all'1 febbraio 2015.
Ti potrebbero interessare anche...
Design
Design
Una grande officina nel cuore del centro storico di Bologna ha cambiato abito (e uso) per diventare un loft luminoso e green con ampi spazi dove condividere tutti i momenti della giornata. La nostra preziosa contributor Elisabetta di Dettagli Home...
Lifestyle
Lifestyle
Schiscetta: termine milanese, nato negli anni ‘60 quando tute blu e impiegati mangiavano sul posto di lavoro portandosi “qualcosa” da casa. Mettevano tutto in un contenitore di metallo, spesso “schiacciando” in strati il risotto giallo e la classica cotoletta o...
Kids
Kids
Ve lo ricordate il gioco "Un, due, tre, stella"? Era una divertente corsa al muro che ci immobilizzava in pose molto buffe: a me faceva ridere a crepapelle e ancora oggi porta alla mente ricordi bellissimi. Oggi care amiche non...