EN
IT
Lifestyle
20 Maggio 2016
Maggio a Miami
Torna la rubrica della nostra contributor Francesca, direttamente dalla bella Miami. Leggiamola insieme!

Maggio quando vivevo a Viareggio era un mese da sogno: aprono i bagni, ci sono già gli ombrelloni, non per tutti, ma per i clienti annuali fissi si, perchè sono i primi dalla battima (la battigia in Viareggino) e siamo sempre piu abbronzati degli amici che vivono a Firenze e d’intorni che vengono solo per il fine settimana, fino a Luglio quando finiscono le scuole. Insomma la vita da cittadina di mare che muore d’inverno e rinasce ogni estate.

Maggio a Miami è come Aprile, un po’ più caldo di Marzo e un po’ meno asfissiante di Agosto, è sempre tempo di mare, ma chi vive a Miami non fa vita balneare, perchè durante la settimana si lavora e il fine settimana la spiaggia è piena di chi vive fuori porta. In fondo tutto il mondo è paese: non ti accorgi quanto prezioso sia quello che ti circonda, fino a quando non ti circonda piu’.

Non si sono i ristorantini sulla rena che fanno gli spaghetti con le prime arselle o il frittino di paranza o i mercatini all’aperto come quello del Forte. Anzi, a Maggio finisce la stagione dei granchi e il famoso ristorante Joe’s Stone Crabs chiude il fine settimana dopo la festa della mamma per riaprire la settimana prima di Halloween e il mercatino delle pulci e del vintage di Lincoln Road segue la stessa agenda. Troppo caldo e umidità messi insieme e inizia la brutta stagione, per non menzionare quella degli uragani.

Questa volta vi porto a Little Haiti, un quartiere vecchio quanto Miami, girato l’angolo dall’Upper East Side 

Un paio di settimane fa Karl Lagerfeld ha portato la carovana della moda a Cuba con molto clamore, critiche e chiacchiere. 20 anni a Miami mi hanno aiutato a vivere in prima persona la differenza tra il preconcetto e ciò che è la vera Cuba e Port Au Prince degli expats o di chi ha scelto di abbandonare la propria patria per inseguire il sogno dell’America. Mi hanno colpito, negativamente, le immagini condivise nei social media, perchè hanno immortalato i cliches del folklore con la irriverenza e la mancanza di sensibilità di chi viene da un paese civilizzato, senza mettere in rilievo le doti, le caratteristiche, la storia e l’arte di Cuba.

Credo che la mia percezione sia influenzata da come l’Italia è ancora stereotipata negli Stati Uniti e quanto mi ferisca diretto nel cuore, perchè non siamo proprio solo tarantella e aglio. Finito con la mia oratoria, personale, quello che vi voglio trasmettere attraverso le foto che ho fatto col telefono, è quello che di piu’ vicino ad Haiti si possa trovare a Miami.

Nei murales di benvenuto a Little Haiti ti ci imbatti un po’ da tutte le parti, c’è un centro culturale dove nella bella mattinata di sabato ho trovato i vecchini seduti sulle panchine a raccontarsi le loro storie in creole, bambini che venivano a fare lezioni di francese o di danza e una bella mostra di un artista un po’ Dada e un po’ satirico. Per la strada ci sono galli e chi vende i mango del giardino (quest’anno la stagione è in ritardo), chi va a fare la lavatrice e chi va al 1$ store per fare la spesa.

Una vita frugale, con case senza aria condizionata (c’hanno le unità indipendenti alle finestre) e trailer parks, circondati da un timido movimento migratorio di gallerie d’arte e studi di artisti appena emigrati dall’America latina o ancora un po sconosciuti. Vengono da Wynwood, pochi chilometri a sud, sempre ad ovest della Biscayne Boulevard, che è un po la nostra via Aurelia. Wynwood è diventato troppo caro negli ultimi anni dopo essersi trasformato da ammasso di magazzini vuoti a nuovo quartiere artistico e bohemien quando il quartiere confinante era a sua volta diventato carissimo, il Design District. Little Haiti è ora quello che quasi 15 anni fa era il Design District e Wynwood, un quartiere dei contrasti. Dal 1979 ospita il pub irlandese Churchill in puro pot-pourri di culture e nazionalità, di Chiese dalle denominazioni più disparate si perde il conto, ora il Design District si è trasformato in una specie di Via Spiga e Via Montenapoleone, con flagship stores delle marche di lusso più rinomate a livello internazionale.

La domanda è se tra circa altri otto anni, Little Haiti diventerà un altro Wynwood o manterrà la sua patina speciale e genuina.

 

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
"Bello" non fa necessariamente rima con "costoso": siamo convinte infatti che si possa scegliere il proprio look con gusto ed equilibrio senza spendere una fortuna. Per dimostrarvelo, abbiamo scelto di indossare per il post di stile di oggi alcuni capi...
Lifestyle
Lifestyle
La rubrica di stile di oggi veste i coloratissimi abiti e accessori Ralph Lauren abbinati al dettaglio "stiloso" e modaiolo dei bracciali Geisha Love. Il risultato? Un mix ben riuscito tra classico e nuove tendenze. Gli oufit che interpreta Isabella...
Lifestyle
Lifestyle
Un pomeriggio della scorsa settimana sono stata invitata dalla mia amica Giulia a casa di Giada. L'occasione era adavvero speciale: la presentazione della collezione Ojour di Giorgia Caovilla che potete vedere con me seduta sul divano in una delle...