EN
IT
Lifestyle
21 Settembre 2015
Educare il tuo cucciolo con amore in 4 fasi
State pensando di allargare il vostro cuore e la vostra famiglia adottando un cagnolino? Le ragazze di Okydoggy hanno redatto per voi una piccola guida in quattro fasi per educare fin da subito il nuovo ospite di casa!

Arriva un cucciolo in casa: che tenerezza e che felicità! Ma quando il cucciolo comincia a fare pipì, magari sul tappeto persiano o sulla moquette, inizia la disperazione soprattutto se nonostante i tentativi di dissuaderlo arriva a quattro mesi e ancora non ha imparato. Eppure è facile: niente urlaci e botte, ma un po’ di psicologia canina e il cucciolo in una settimana può diventare più pulito. Quattro sono le fasi da seguire:

GLI ORARI FISSI
Abituare il cane ad orari fissi per il cibo e la passeggiata, portarlo fuori la mattina appena alzati, successivamente farlo mangiare bere e riportarlo fuori. Lo stesso va fatto a pranzo e a cena, questa volta nutrendolo prima di uscire. Ogni volta che si libera fuori casa fargli tanti complimenti.

IL BAGNO IN UNA STANZA
Un cucciolo molto piccolo non può tenersi la pipì per sette otto ore quindi metterlo in una stanza tappezzata di giornali e nei giorni seguenti togliere poco a poco i giornali fino a che ne rimanga uno, necessario quando siete assenti.

LA LATTINA MIRACOLOSA
Questa serve per correggerlo quando siete in casa. Procurarsi una lattina e riempirla di monetine, più rumore fa meglio è; appena il cucciolo sta per combinare il misfatto, agitate vigorosamente la lattina affermando con tono deciso “NO!”: le prime volte resterà interdetto scordandosi di quello che stava per fare, così potrete accompagnarlo nel posto voluto per fare i suoi bisogni. In seguito capirà anche il significato del NO.

FINALMENTE ALL’APERTO
Per insegnargli a chiederci di uscire nel momento del bisogno. Spostate il giornale gradualmente verso la porta di casa o del terrazzo di venti trenta cm al giorno, quando siete arrivati alla meta mettete il giornale fuori e lasciate la porta aperta così che possa raggiungerla; dopo una settimana anche con la porta chiusa vi farà capire che vuole raggiungere il giornale. 
A quel punto l’educazione è completa!

Team Okydoggy

Grazie alle nostre preziose contributor Elena e Lucrezia,
DD

Trovate qui le immagini di questo post.

 
Ti potrebbero interessare anche...
Kids
Kids
Non c'è niente di più serio di un bambino che gioca. Così come non c'è nulla di più efficace di un bambino in azione per testare la resistenza di un capo di abbigliamento. Due semplici verità che hanno ispirato Petit...
Lifestyle
Lifestyle
"Non si vede bene che col cuore, l'essenziale è invisibile agli occhi", lo dice il Piccolo Principe e me lo conferma anche Giulia di Paganini Gioielli, soprattutto se si parla di accessori. "La scelta di un gioiello non è superficiale,...
Lifestyle
Lifestyle
Il bisogno di solitudine per guarire dalle ferite più dolorose spinge Elizabeth a rifugiarsi in uno chalet immerso nella natura della Svizzera. Dopo aver perso tutto a causa della guerra, la protagonista affida al suo diario il racconto del suo...