EN
IT
Lifestyle
20 Febbraio 2015
Pino Pipoli per Marsèll
17 gennaio 2015: è la "data di nascita" della prima collaborazione di Marsèll,  un brand che ci piace molto perché punta alla sperimentazione, con l’artista Pino Pipoli per la creazione del modello Marsèll Hat #0 by Pino Pipoli. Questo cappello è realizzato secondo l’antica tradizione dei cappellai italiani, completamente lavorato e pettinato a mano. Il melousine nero è reso contemporaneo da un laccio liscio ed uno intrecciato, entrambi raccolti da cursori di perla artificiale nera opaca.
Ma il vero tocco dell'artista è da ricercare sulla cappellina, forata al suo apice. Secondo Pino Pipoli, infatti, "il buco è il simbolo della pienezza della vita, perché non c’è vita senza buchi. È il buco nero dell’antimateria, pesante come l’universo, spesso come il buio, denso come il passato. È, nella sua palpabile assenza, l’essenza stessa, l’anima del manufatto in feltro che lo circonda, il cuore pulsante attorno a cui la vita prende forma. È il foro romano, la culla della civiltà, il luogo del pensiero, la sede della relazione”.

Con il cappello dal titolo #0, Marsèll arricchisce le propri collezioni e ci fa sognare uno stile capace di rinnovare la tradizione con il geniale zampino dell'arte.

DD

Foto/still life cappello e installazione: Nicole Marnati

Foto/ritratti su fondale desertico: Elisa Ci Penagini

Foto/reportage evento: Talitha Dittfeld

Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Peschiera e Sirmione sono due piccole perle d'acqua dolce, preziose, nascoste e romantiche. Peschiera ha protetto la sua antica bellezza con una cinta muraria circondata dalle acque del fiume Mincio, estuario del lago di Garda. Le opere di ingegneria idraulica...
Lifestyle
Lifestyle
Segno dopo segno, la nostra contributor Francesca ci augura buon anno con l'oroscopo più stiloso del 2014. Le immagini della gallery sono le belle ispirazioni che abbiamo trovato e pinnato nella nostra nuova board Pinterest. Seguiteci anche qui. Caro DDmag, anno...
Lifestyle
Lifestyle
"Siamo ciò che mangiamo" è un vecchio modo di dire che nellla cucina di oggi ha assunto entusiasmanti significati: siamo più attenti, più consapevoli, più intelligenti e più riflessivi. Una nuova sensibilità ha iniziato ad accompagnarci in ogni scelta, anche...