EN
IT
Lifestyle
19 Giugno 2013
Maria Host: una IT-Girl molto speciale
Che emozione intervistare Maria Host-Ivessich, una delle IT-Girls di Grazia più amate dal pubblico e anche da DDmag. Le abbiamo fatto tante domande per ripercorrere la storia di una passione nata tra le mura di casa che l'ha portata ad essere conosciuta ed apprezzata per uno stile "preppy" davvero inconfondibile.


La tua biografia è un mix di culture ed esperienze diverse: ci racconti un po' questo packwork ben riuscito?

Mia mamma è olandese-indonesiana, mio padre italiano, così come i miei nonni: insomma un bel miscuglio, e devo dire che mi piace. Sono nata e cresciuta a Milano dove a 15 anni ho iniziato a fare la modella (anche se poco convinta: sono abbastanza timida) e una volta finito il liceo ho provato a farlo diventare un lavoro full-time. Viaggiavo moltissimo in quel periodo: per me è stata una vera scuola di vita perché mi ha permesso di crescere e aprirmi. Lì ho capito cosa volevo fare davvero, ovvero passare "dall'altro lato" della barricata. Così son tornata in Italia e ho studiato styling, per poi iniziare a fare assistenza e tutto il resto.


Che lavoro volevi fare quando eri bambina? E ora, su che progetto stai lavorando?

Sono sempre stata attratta dalla moda, è un "gene" di famiglia: sia mia madre che mia nonna sono fashion buyers quindi la loro influenza è stata importante. L'unica cosa era capire che ruolo era il più adatto alla mia personalità: ho cambiato idea spesso, per finire, dopo l'esperienza da modella, a studiare styling. E da lì ho poi scoperto il videomaking e l'art direction: insomma sono alla continua ricerca del mezzo perfetto per comunicare un'immagine. In più ora ho aperto con la mia amica Giovanna un blog sul cibo, altra grande passione! Si chiama "Le magnatine": è divertente perché è un blog di cucina dal punto di vista di chi… mangia!


L'ultimo capo d'abbigliamento che hai acquistato e che non vedi l'ora di indossare?

In realtà è un regalo: un abito di organza rosa caramella di Vivetta, lungo fino al ginocchio, a ruota, e con due manine femminili guantate di bianco che lo sorreggono come spalline. Sembra incantato! Sono questi pezzi quasi "unici" quelli che mi danno più soddisfazione.


Qual è il segreto per riconoscere se un accessorio o un abito diventeranno un must-have?


Ad essere sincera, la parola "must-have" non mi piace e non mi appartiene: se invece si parla di colpi di fulmine personali... capitano con tutto, ma in particolare vengo colpita da capi che raccontano una storia già a guardarli, che "stanno su" da soli!


IT-girl per Grazia: ci racconti la tua esperienza?

E' una cosa molto carina e le ragazze di Grazia sono come una grande famiglia; io mi limito a far foto con il cellulare a tutto quello che penso possa interessare e che soprattutto piace molto anche a me.


Sappiamo che adori Pinterest: chi dobbiamo assolutamente seguire su questo bellissimo social?

E' vero, sono Pinterest-maniaca, è uno dei motivi per cui amo internet. Di mio metto poco, perché le immagini che colleziono sono un miscuglio indisciplinato e confuso in un'unica cartella sul desktop, dividerle per boards sarebbe un lavoro folle! Amo trovare persone con boards piene di ispirazione pura, immaginazione, boards con un 'fil rouge' interessante, come quelle di:

Studio Fludd, un collettivo di Venezia pieno di stimoli;
Igor + André per le storie raccontate con immagini;
Catherine: lingerie & vintage, due mie grandi passioni :)

DD

Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Con l'aiuto di alcune amiche molto esperte in fatto di stile mi sto organizzando per potervi dare periodicamente alcuni consigli. Per questa "prima volta" mi sono rivolta a Maurizia di Etiquette: insieme abbiamo studiato alcuni outfit da indossare per vivere un'intera...
Lifestyle
Lifestyle
Vi siete mai chiesti cosa succederebbe se gli occhi potessero scattare fotografie? Potremmo trattenere quelle immagini dei momenti più belli della nostra vita che invece la memoria ci restituisce sbiadite, o conservare tutti i dettagli di un luogo magnifico. La...
Lifestyle
Lifestyle
Andrea racconta la storia della stamperia Fallani, nel cuore di Venezia.Era il 1968 quando Fiorenzo Fallani inizia la sua esperienza con la serigrafia aprendo nel cuore di Venezia il suo laboratorio. Nel 1970 Fallani dirige il laboratorio di serigrafia allestito...