EN
IT
Lifestyle
20 Ottobre 2017
Emozioni brasiliane
Alla scoperta dell'unico deserto dove l'acqua non è un miraggio. A cura di Maura Vedù.

Emozione e passione sono i termini che meglio descrivono un viaggio in Brasile. Questo è un paese dalle bellezze infinite, istintivamente amico e candidamente sensuale che contagia e affascina. Sono questi sentimenti, difatti, a dominare un paese che sembra creato dal pennello di un pittore divino che ha riempito di colori e luce i grandi spazi in cui le meraviglie della natura si mischiano, in un armonico disordine, ad una cultura basata sull’allegria e la libertà.

Con queste premesse però, ogni viaggio in Brasile, non può considerarsi completo senza aver fatto tappa a Nordest, sulla “Rotta delle Emozioni“ (o “Rota das Emoções“), tra Maranhão e Ceará. Questa zona, pur essendo molto meno conosciuta rispetto ad altre località come Rio de Janeiro o Bahia, dispone, proprio per questo, di un fascino ancor maggiore. La coloniale Sao Luis e la sensuale Jericoacoara non sono poi che di contorno al pezzo forte della regione: il parco Lencois Maranhenses.

Aqua e sabbia, sabbia ed acqua…questo parco è dominato da una sterminata ed incontaminata distesa di dune bianche, laghi mobili e fiumi. Questa riserva naturale è quasi del tutto privo di vegetazione ed il suo profilo è infatti caratterizzato da un’immensità di dune, rese particolarmente spettacolari quando l’acqua pluviale va a formare dei brillanti specchi d'acqua dolce in grado di delineare un paesaggio mozzafiato.

La sabbia viene portata sulla costa dai fiumi per poi essere spinta ai lati dal forte vento e dall’oceano, creando così le dune, tra le quali si deposita l’abbondante acqua piovana che crea i laghi. Il vento e gli altri agenti atmosferici spostano queste dune cambiando continuamente il territorio e gli specchi d’acqua sono alimentati dalle continue piogge, molto anomale per questo “deserto”, e dai numerosi corsi d’acqua, come il Rio Preguiças.

La regione è considerata un mistero geologico, e, nonostante la sua vastità, è stata scoperta solamente una trentina di anni fa, perchè posizionata tra l’oceano atlantico e la foresta amazzonica. E’ da visitare ora, perchè è ancora una riserva naturale con limitata ricettività turistica, lontana dal caos, dal frastuono della città, con strade che non ci sono, ma che si possono ogni giorno inventare …..con 4X4 o dune buggy.

Dove trovare Maura:

e-mail vedu-maura@cartorange.com

web www.cartorange.com/mauravedu

Ti potrebbero interessare anche...
Kids
Kids
Carissimi, di Expo ne sentiamo parlare da molti mesi e in molti modi diversi, ma c'è un punto di vista che non tutti conoscono e che è davvero un'eccellenza italiana... a portata di bimbo! Oggi voglio parlarvi infatti del Children Park,...
Lifestyle
Lifestyle
Quando si scoprono delle cose belle, si sente subito l'esigenza di condividerle per farle conoscere e amare agli amici più cari. Con la nostra amica e contributor Lorenza è sempre stato così: dai suoi viaggi (vicini e lontani) ci ha...
Lifestyle
Lifestyle
Entriamo nel vivo della rubrica del dott. Zanier che oggi per DDmag affronta un problema diffuso, ma molto spesso sottovalutato, che l'osteopatia e uno stile di vita corretto possono aiutarci a risolvere: il reflusso gastroesofageo.  Il reflusso gastroesofageo (che indicheremo d’ora in...