EN
IT
Food
08 Settembre 2017
Parlare delle Bolle di Nardini...come?
Parlare delle Bolle di Nardini... come?

Di un'opera di architettura contemporanea fantastica.
Ideata dall'architetto Massimiliano Fuksas per celebrare i 225 anni di una distilleria di acquavite, la più antica d'Italia.
Guardare questa struttura tutta vetro, acciaio e cemento, è uno spettacolo per gli occhi: entrarci, un'esperienza sensoriale. Due bolle ellissoidali in vetro trasparente che sembrano fluttuare sulla pozza d'acqua sottostante.
Al suo interno un laboratorio di ricerca e controllo qualità che certamente non manca ai prodotti della Nardini.
Un luogo futuristico che non finisce mai di stupire, una sala riunioni scavata nel terreno, come lo è l'auditorium, che ha ospitato convegni e spettacoli. Tutto domotica, dallo schermo alle poltroncine per scoprire all'esterno una scala discendente, usata anche come tribuna per gli spettacoli performativi che spesso hanno trovato spazio al suo interno.
Entrata quasi per caso, in questo luogo un po' alambicco un po' insetto gigante dalle lunghe zampe d'acciaio, mi sono sentita un po' Alice. I tagli sapienti nel cemento creavano, in una giornata di sole accecante, un gioco di luci ed ombre che mutavano ogni aspetto.
Un'architettura d'autore. Un'azienda leader che merita senz'altro una visita.
Un punto d'incontro tra natura, idee e forme.


Lorenza per Ddmag
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Siamo innamorate di un’Italia di pietra, di stradine strette dove non passano le auto, di vicoli in salita e scorci mozzafiato su colline dove si specchiano le nuvole. È l’Italia dei piccoli borghi medioevali dove il tempo sembra essersi fermato....
Food
Food
Vi ho già parlato di Denota ma ci tengo a farlo di nuovo perché è proprio adesso, prima del Natale, che il suo mondo dà il meglio di sé. Ogni anno Antonella Segato sceglie le migliori specialità italiane ed internazionali...
Lifestyle
Lifestyle
Relax al mare? In montagna? no...in Campagna!!! Ho scoperto un luogo bellissimo per scappare dalla città e prendersi cura del proprio benessere. Si chiama Eroma e non è per nulla lontano da Vicenza dove abito. E' un luogo molto particolare...