EN
IT
Lifestyle
27 Febbraio 2015
Budapest I love you
Città dai molteplici volti, condensato della Mitteleuropa, Budapest merita davvero l'appellativo di "Perla del Danubio". Si risale la collina di Buda, l'antica città barocca, per ammirare il Palazzo Reale, i musei, e le viuzze costeggiate da dimore patrizie del XVIII secolo. Le vedute del Danubio tolgono il fiato, mentre le locande che offrono gulasch e i piatti di selvaggina rendono piacevole ogni pausa gourmet. Di fronte si estende Pest dove si trovano la Basilica principale di Santo Stefano, dalla cui cupola si ammira uno splendido panorama della città, e il quartiere ebraico dove sorge la sinagoga più grande d'Europa. Le vie di Pest meritano una lunga visita: è noto per i pub recuperati tra le rovine e i negozi di giovani stilisti emergenti. Ma visitare Budapest è anche e soprattutto passeggiare in ampi spazi verdi, fare piacevoli soste nei caffè ottocenteschi, bagni e interminabili soste tra i vapori caldi, concerti di strada… Un vortice di bellezza che vi incanterà.

Sfogliate la gallery che vi svela la magica capitale ungherese attraverso gli occhi di Luisa.
Pronti a fare le valigie?

DD

Un grazie di cuore a Stefania Laverda per alcuni suoi scatti gentilmente concessi alla redazione.
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Poteva un blog "a righe" non arrivare ai nostri occhi e al nostro cuore? Così è stato per Gispy in the kitchen, il food-love-fashion blog di Alice Agnelli, che con bellissime foto e testi sempre intimi e spontanei ci accompagna...
Food
Food
Una storia di tradizioni tramandata da ormai 5 generazioni. Questo è Olivieri 1882. Nato da Luigi Olivieri come piccolo forno ad Arzignano oggi vanta tre brand: dal panificio Bianco Olivieri, alla pasticceria e caffetteria e gelateria Olivieri fino al bistrò...
Lifestyle
Lifestyle
La street art sta contagiando tutte le città, da Vicenza, dove abbiamo ambientato il nostro ultimo post di stile, a Berlino: proprio nella capitale tedesca è nato il progetto fotografico "Street art in Berlin" di Luca Chilesotti, che ce lo...