EN
IT
Lifestyle
26 Novembre 2014
The rabbit project
Instagram è il nostro social preferito: è qui che abbiamo "scoperto" e iniziato ad amare alcuni personaggi che poi abbiamo intervistato per il nostro magazine, ed è sempre qui che ci siamo imbattute in un progetto di fotografia social davvero originale. Di cosa stiamo parlando? Di The Rabbit Project!

Il coniglio di The Rabbit Project è bianco e deve ruzzolare in un buco: a noi ricorda quello di Alice nel paese delle Meraviglie. Ci abbiamo preso?

Si, il nostro coniglio ricorda un po’ il bianconiglio di Alice e forse un po’ i Rabbits di Lynch. La frase inserita nella descrizione nel profilo Instagram è infatti una citazione dell’opera di Carroll e il tono di alcuni scatti invece richiama a volte alle atmosfere di Lynch, tutto sempre in modo del tutto giocoso. Il coniglio è un personaggio in bilico tra la favola e l’ironia inquietante. Tra peluches e tane buie. Ora noi potremmo stare qui a inventarci tutta una ricerca iconografica e citazionista, ma in fondo si tratta solo di un gioco divertito di quattro amici.


Di cosa è fatto il coniglio e chi lo ha disegnato?

Nessuna sa chi lo abbia disegnato. È un mistero dentro un rebus all'interno di un enigma.


Raccontateci il progetto come lo avete raccontato ai primi amici che hanno indossato la maschera.

The Rabbit Project nasce per scherzo tra quattro amici col pallino per i social e la fotografia: @anthonylate - @buddybradley - @emme_enne - @inanutshell
Decidiamo di acquistare una maschera per un compleanno e scattiamo le prime quattro fotografie durante una pausa pranzo. Tornati in studio decidiamo subito di creare un profilo Instagram, un Tumblr e una pagina Facebook del progetto. L’idea è quella di giocare con l’idea di identità sul web, sull’alter ego, sul raddoppiamento e la realtà virtuale che ci consentono di entrare in rapporto ed in rapporti nuovi con personalità diverse e con diversi aspetti della nostra personalità. “Una personalità che quindi diventa multipla, ibrida, creativa.” Nel progetto siamo tutti conigli, indossiamo tutti la stessa maschera, ma siamo tutti diversi, la interpretiamo le facciamo assumere espressioni differenti. Tra Pirandello e web 2.0. Un monologo a più voci. Potremmo continuare a sproloquiare per ore su tutto questo… Rabbit Project è però prima di tutto un esperimento virale, creato grazie al coinvolgimento di blogger, instagrammers e influencers.


La prima persona che lo ha indossato? E l'ultima?

Il primo coniglio è il Coniglio, @anthonylate. E poi, who’s on next?


Pensate ci sarà anche un "The Cat/Dog/Mouse/Lion/Unicorn Projet"?

Giammai. Il coniglio è il prescelto.


Grazie ragazzi! E voi continuate a seguire le avventure del coniglio bianco su Instagram: @therabbitproject - @anthonylate - @buddybradley - @emme_enne - @inanutshell.

ps. Riconoscete le ultime due conigliette?



DD
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Alle volte i concept store mi sembrano un po' "freddi", ma non posso dire lo stesso di W Milano, uno spazio dedicato alla casa, alla moda e al benessere dove sentirsi a proprio agio è facilissimo! Un'affascinante realtà che si racconta così: La...
Kids
Kids
Cari genitori,  vi ricordate quando "i grandi" ci proponevano uan giornata al museo? La migliore delle nostre reazioni poteva essere la completa apatia: per noi il museo era un luogo chiuso, dove camminare molto ma guai a correre, e di cui...
Lifestyle
Lifestyle
Quando pensiamo ad un ritratto "senza volto", ci viene senz'altro in mente una delle opere di René Magritte: i suoi protagonisti erano anonimi e quindi universali perché chiunque poteva vestire i loro panni e immedesimarsi in loro. I lavori della...