EN
IT
Lifestyle
14 Dicembre 2012
Per Veronica una moka è sempre una moka, anche quando si parla di arte
Qualche giorno fa ho ricevuto una mail di Chiara, una lettrice di DDmag.it, che mi parlava di Veronica Presta, una giovane pittrice di Conegliano Veneto (TV). Mi ha piacevolmente sorpreso il suggerimento di Chiara, così le ho chesto di intervistare lei stessa l'artista.


C- Ciao Veronica, quando hai iniziato a dipingere?

V- Praticamente da sempre, ma è all'Accademia che ho iniziato a canalizzare i miei "slanci artistici" in modo più consapevole e profondo. Ho iniziato dipingendo figure astratte per poi passare ad una pittura più "figurativa".


C- I protagonisti delle tue opere sono gli oggetti: è una scelta stilistica o istintiva?
V- Diciamo entrambe le cose: gli oggetti che ritraggo sono camaleontici, si fondono e si confondono con la trama regalando un nuovo punto di vista attraverso il quale osservare la realta. Vorrei che gli oggetti che dipingo venissero considerati per quel che sono nella realtà di ogni giorno, senza nessun rimando simbolico o significati nascosti. Il frullatore resta un frullatore, la televisione è la televisione, non vuole essere il totem dell'elettronica, così come la caffettiera non diviene il manifesto ideologico di una pubblicità. Questo tipo di pittura mi permette di ampliare i livelli sensoriali di interpretazione, di costruire immagini in grado di trasmettere familiarità, quotidianità, ma anche curiosità.

C- Passi con semplicità dalla pittura, all'illustrazione, alla grafica, quant'è determinante l'influenza di un linguaggio sull'altro?
V- Mentre la pittura da spazio totale all'immaginazione nella grafica ci sono più regole da rispettare, ma anche in questa arte cerco sempre di creare un contesto accattivante ed identificativo di quello che è il "mio mondo".

Le immagini nella gallery sono alcune opere di Veronica, mentre la ragazza nella foto è Chiara Peruch, a cui rivolgo un grazie tutto speciale.


DD

 

Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
17 gennaio 2015: è la "data di nascita" della prima collaborazione di Marsèll,  un brand che ci piace molto perché punta alla sperimentazione, con l’artista Pino Pipoli per la creazione del modello Marsèll Hat #0 by Pino Pipoli. Questo cappello è...
Kids
Kids
"Mamma, poi vieni a sistemarci le coperte?": questa frase è come un rito che si ripete ogni sera a casa mia perché i miei bambini in inverno non possono fare a meno di avere una morbida coperta ai piedi del...
Food
Food
Ieri sera sono stata in uno dei miei ristoranti preferiti: la Favellina a San Tomio di Malo. Ci vado molto spesso perchè in soli 30 minuti di auto raggiungo la pace dei sensi. Cena dopo cena mi innamoro sempre più...