EN
IT
Lifestyle
05 Febbraio 2016
Il Museo della Ceramica di Bassano
La piccola e pittoresca cittadina di Bassano del Grappa ai piedi del Monte da cui prende il nome, è famosa per il suo particolare ponte di legno "degli Alpini", per essere il principale luogo di produzione non solo del famoso alcolico "Grappa" (a cui è dedicato uno splendido Museo che abbiamo visitato qui), ma anche di splendide ceramiche. Anche se purtroppo molte delle aziende produttrici oggi sono chiuse, a mantenere viva la memoria di questa arte è il Museo della Ceramica a Palazzo Sturm, la meta del nostro reportage del venerdì.

Palazzo Sturm, splendida dimora settecentesca eretta a picco sul fiume Brenta, ospita 1200 pezzi circa della rinomata produzione locale, dai più antichi frammenti di ceramica graffita medievale ai pezzi più significativi della produzione moderna. Oggetti di uso quotidiano diventano arte nella mani dei famosi ceramisti veneti e seguire le teche del museo è una scoperta continua di preziosi dettagli nascosti nei piatti e nelle tazzine. Come se non bastasse questo spettacolo, la fitta decorazione di stucchi che orna alcuni ambienti del palazzo costituisce una delle più rilevanti decorazioni rococò del Veneto. Ora vi invitiamo a scorrere la gallery e a fare insieme a Luisa un tuffo nella tradizione e nello stile di quest'arte che tutto il mondo ci invidia.

DD

Ti potrebbero interessare anche...
Food
Food
Ritorna l’appuntamento culinario con la nostra amica chef Sara Danesin Medio che con l’arrivo dell’estate ci propone una ricetta dai sapori mediterranei: linguine al ragù di triglia. Un piatto fresco, saporito e nutriente. Cuciniamo? Linguine al ragù di triglia Il bello di...
Lifestyle
Lifestyle
Questo venerdì la rubrica di stile si tinge di green grazie alla nostra Luisa che ci accompagna nel bosco incantato di Ledro Land Art: un percorso di arte nel verde nella Pineta di Pur, cuore della Valle di Ledro,...
Lifestyle
Lifestyle
Quando pensiamo ad un ritratto "senza volto", ci viene senz'altro in mente una delle opere di René Magritte: i suoi protagonisti erano anonimi e quindi universali perché chiunque poteva vestire i loro panni e immedesimarsi in loro. I lavori della...