EN
IT
Lifestyle
05 Ottobre 2015
I colori del Grand Bazaar
Abbiamo aspettato i colori e le suggestioni della sua rubrica per tutta l'estate. Ora la nostra contributor Nur è ritornata dalla sua Turchia e oggi ci trascina in un affascinante vortice di magia d'Oriente.

A settembre a Vicenza sono passati i Dervisci rotanti. Il Teatro Comunale ha infatti ospitato l’evento “musica della tradizione”, musica mistica e spirituale. Ho avuto la fortuna di vederli dopo tanti anni: la loro danza è affascinante ed è davvero la mia preferita! Vi consiglio di scoprirla se non la conoscete… 

Sono partita col parlarvi dei “dervis rotanti spirituali” per raccontarvi il mio negozio preferito: il coloratissimo Dervis, un negozio nel Grand Bazaar di İstanbul. Secondo me è uno dei più belli e ricchi tra i 4400 negozi del Grand Bazaar (no, non è un scherzo: il Gran Bazaar occupa 30 ettari). Quasi ogni estate vado da “Dervis” per fare la mia scorta di asciugamani e saponi. Quando entri nel negozio, scopri un mondo: è il mondo dei tessuti e dei vestiti tradizionali dall’Anatolia, la terra dove è nata la civiltà. Fontatore di questo piccolo mondo antico è Tayfun, che spesso va nei piccoli paesi in Anatolia a trovare questi pezzi unici, preziosi e anche antichi. Non solo; ordina tessuti, asciugamani, accapatoi, caftani con trame e modelli antichi: uno più bello del altro… I suoi asciugamani sono famosi in tutto il mondo; personaggi famosi, attrici, attori, artisti, stilisti vengono a comprare e a fare una scorta degli asciugamani più richiesti (Catherine Deneuve, Cate Blanchett, Hamish Bowles, editor di Vogue Europa). Ho parlato con Tayfun Malik Utkan, il fondatore di DERVIS, per DDmag...


NUR: Come è cominciato tutto? Perché hai voluto cercare e trovare cosa c’era dentro le case d’Anatolia?

TAYFUN: Prima di tutto volevo far conoscere i tessuti tradizionali fatti a mano agli stranieri ma anche ai turchi. Ho venduto per 25 anni i tappeti, i kilimi, e volevo cambiare e fare qualcosa di diverso. I vestiti e tessuti (che facevano parte anche della dote delle spose) tradizionali dei paesini erano un po’ scomparsi, dimenticati. Mi è piaciuto tanto seguire la cultura, la tradizione vecchia. Allora tutto è partito così e sono molto felice di fare vedere quanta ricchezza abbiamo in Turchia. Devo dire che ha funzionato molto. Anche le riviste di moda come “Vogue” scrivono di noi e dei colori e tesori della Turchia. Recentemente è uscito un articolo di Vogue che ha nominato i nostri prodotti.


N: Come trascorre una giornata dentro il Grand Bazaar?

T: Qui da Dervis la giornata comincia con il tè turco che arriva dal caffè Sultano davanti il negozio. Si bevono circa 10-15 bicchieri di tè al giorno; beviamo tantissimo anche perché è un simbolo di ospitalità turca. Il negozio si prepara alla giornata intensa mettendo in ordine tutte le mensole e poi si aspetta che i clienti vengano da tutte le parte del mondo. In questo piccolo pposto ospitiamo famosi e non famosi, tutti i clienti sono speciali e noi li trattiamo come se fossero ospiti.


N: Ci piacerebbe fare una sosta e assaggiare la cucina turca: dove ci porti a mangiare (un suggerimento NON per turisti)?

T: I miei indirizzi per pranzo sono: Pedeliza, Pınarba
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Quando gli italiani vanno all'estero, cercano dei punti di riferimento con i quali misurare la nuova realtà che li circonda. La piazza è una delle nostre "unità di misura" preferite come ci racconta Francesca di chicfb, la nostra contributor da Miami. Noi italiani...
Lifestyle
Lifestyle
Ho ereditato la passione per la decorazione della tavola da pranzo da mia mamma Lilli e da mio padre Leonardo. Ogni volta che a casa nostra veniva a colazione o a cena qualche amico mia madre preparava la tavola in...
Lifestyle
Lifestyle
17 gennaio 2015: è la "data di nascita" della prima collaborazione di Marsèll,  un brand che ci piace molto perché punta alla sperimentazione, con l’artista Pino Pipoli per la creazione del modello Marsèll Hat #0 by Pino Pipoli. Questo cappello è...